Time Machine: cos’è e come usarlo per il recupero dati?

time-machine-cos-e-come-recuperare-file-mac

Possiedi un Mac e devi necessariamente recuperare dati persi o mettere in salvo le tue ore di lavoro trascorse intensamente con il tuo computer? Vediamo insieme come utilizzare un tool di Apple chiamato Time Machine: cos’è, quali sono le funzioni, come fare il backup automatico e la recovery dei dati che non troviamo più sul computer!

time-machine-cos-e-come-recuperare-file-mac

Che cos’è Time Machine?

Time Machine è un software disponibile in diverse versioni di OS X (Lion, Mountain Lion, Yosemite, Leopard, ecc…) ed è utile per eseguire il backup in tempo reale di tutti i dati contenuti nell’hard disk del Mac e quindi, permettere all’utente di fare il recupero dati anche quando ha completamente eliminato dei file dal disco fisso.

Per un uso corretto, Time Machine richiede l’installazione o collegamento tramite USB/Firewire o Thunderbolt di un hard disk esterno che sarà utilizzato esclusivamente per fare il backup (o meglio, una clonazione completa) del disco del Mac e di tutte le diverse versioni dei file dopo ogni modifica.

Questa applicazione non richiede molte risorse ed è semplice da utilizzare, infatti, all’avvio basta seguire la procedura guidata per iniziare a mettere subito in salvo i file importanti in maniera completamente automatica.

Ricorda: se hai un Mac e un hard disk vuoto, ti consiglio di iniziare ad usare immediatamente Time Machine che sarà la tua via di salvezza qualora dovrai recuperare file cancellati dal cestino dopo averlo svuotato.

Time machine su Mac: guida all’uso

Segui le istruzioni riportate di seguito e magari salva questa guida tra i tuoi preferiti così potrai sapere come usare Time Machine nel modo migliore.

Innanzitutto, apri Spotlight e digita Time Machine: quindi prosegui con il lancio dell’applicazione.

Se è la prima volta che usi il software, clicca su “Configura Time Machine” quando compare la finestra che vi richiede quale operazione eseguire.

time-machine-mac-come-usare-guida

Ti comparirà una schermata molto simile a questa, quindi collega un hard disk vuoto di capienza pari o superiore a quella del disco del tuo Mac, poi clicca su “Seleziona disco di backup” e seleziona l’hard disk esterno collegato.

Vai a sinistra e attiva Time Machine spostando il toogle verso sinistra su Attivo.

Puoi decidere di impedire il backup di alcune cartelle del Mac, cliccando su Opzioni in basso a destra e indicando quali cartelle non indicizzare.

D’ora in poi Time Machine effettuerà il backup di tutti i dati del Mac in maniera automatica e silenziosa!

Quanto costa Time Machine?

Se leggendo questo articolo ti è venuta voglia di utilizzare subito Time Machine, sicuramente sarà sorta spontaneamente la domanda: ma qual’è il prezzo di vendita di Time Machine?

Bene, essendo un software Apple integrato in OS X già da diversi anni, Time Machine è completamente gratuito ed è disponibile nativamente nel sistema operativo dei Mac.

Per assicurarti di avere l’ultima versione rilasciata dall’azienda: connetti il Mac ad internet, lancia il Mac App Store e clicca sul tab Aggiornamenti disponibile in alto a destra; se è disponibile un update recente, sarà possibile scaricarlo gratuitamente e sfruttare al massimo tutte le funzioni di Time Machine per il backup e recupero dei file eliminati.

Recuperare i dati cancellati con Time Machine

Per procedere al ripristino di un file perso e ricordi la cartella in cui era presente questo documento, recati all’interno di questa e poi clicca sull’icona di Time Machine che compare nella barra degli strumenti vicino all’orologio del Mac, quindi seleziona Entra in Time Machine.

Comparirà automaticamente una timeline temporale con tutte le versioni dei file presenti in quella cartella, quindi seleziona il file che vuoi recuperare e clicca su Ripristina.

Il software provvederà al recupero in pochi secondi e il ripristino nella cartella d’origine del Mac. E’ importante precisare che le istruzioni di questa guida potrebbero variare in base alla versione di Time Machine in uso e a quella di OS X.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *